Keolani Farrow

Di

Keolani Farrow

Pubblicato il

aprile 8, 2019

Tag

I social media sono uno strumento unico, essenziale (si, è così) per il tuo business. Se tu o il tuo brand ancora non usate i social per le attività di marketing, è tempo di lanciarsi! Forse sei già nel vortice, ma potresti avere difficoltà a far crescere i tuoi follower o a vedere i risultati che ti aspettavi.


Perché i social media siano efficaci è importante utilizzarli al meglio delle tue possibilità, prestando attenzione ai dettagli. A volte, infatti, bastano solo piccoli accorgimenti per fare una grande differenza. Vediamo allora gli errori più comuni:

 

1. Quantità più che qualità

Uno degli errori più comuni sui social è partire dal presupposto che più contenuti si pubblicheranno, più aumenterà l’engagement. Al contrario di questa idea comunemente diffusa, non è così. Sebbene sia cosa buona e giusta avere una sana cadenza regolare, è la qualità dei contenuti postati l’aspetto davvero importante. Gli utenti sono più disposti a farsi coinvolgere quando vedono cose accattivanti, utili o rilevanti per loro. Annegare i tuoi profili social in un oceano di post farà perdere interesse ai tuoi follower. Prenditi del tempo per pianificare i tuoi contenuti in anticipo e considera di inserire degli extra fra quello che posterai fra una settimana, un mese o un anno.

 

2. Non tutti i canali social sono uguali

Ogni piattaforma social (Instagram, Twitter, Facebook, LinkedIn, Snapchat, Youtube) si rivolge a diversi tipi di utenti. I post che pubblichi sul tuo feed di Instagram, per esempio, non possono essere gli stessi destinati al tuo profilo LinkedIn. È fondamentale creare i tuoi contenuti su misura per ogni piattaforma social, prestando attenzione allo stile, al tono e ai media che userai. Per evitare di postare i contenuti sbagliati sul social meno adatto, ecco qualche consiglio su cosa bisognerebbe postare sui diversi canali:

  • Instagram: Foto di buona qualità, citazioni, stories
  • Twitter: notizie, blog post, GIF
  • Facebook: video e contenuti di approfondimento ad hoc
  • LinkedIn: lavori, notizie aziendali e contenuti professionali

 

3. Quando arriva la shitstorm, ignorarla

Una domanda frequente dei clienti è: “dovremmo nascondere questo commento negativo?”. Certo, non è mai bello ricevere dei commenti negativi e, a seconda della complessità degli stessi, bisognerebbe scegliere azioni differenti. Ma una cosa sicura è che i commenti devono ricevere risposta, tutti i commenti, compresi quelli negativi. Anche se non è certo il contenuto ideale a cui rispondere, far fronte a questi commenti dimostra che il tuo brand valuta tutti i bisogni e le opinioni dei propri follower.

Ignorare commenti o recensioni negative non solo porta a non ottenere il risultato sperato (veder sparire la shitstorm da sola), ma potrebbe portare a un’ulteriore reazione negativa da parte degli utenti. In più, la mancata risposta potrebbe essere notata da altri follower, portandoli a credere che la tua azienda non si cura dei propri clienti. Potrebbero essere spinti a non acquistare più i tuoi prodotti, usare i tuoi servizi o raccomandarti agli altri. E, cosa più importante, un commento negativo gestito bene trasforma l’utente che lo ha fatto in ottimo ambassador positivo del brand. In conclusione, devi prestare la giusta attenzione ugualmente al buono, al brutto e al cattivo.

 

4. Guardatemi!

Anche se sei fichissimo e bravissimo, nessuno vuol vedere milioni di post dedicati solo e soltanto a te e al tuo brand. Le persone sono poco concentrate e quando scrollano i loro feed social vogliono sapere cosa tu puoi fare per loro, non viceversa. In sostanza, l’obiettivo dovrebbe essere offrire qualcosa di utile al tuo pubblico, in qualche modo.

Per evitare che i tuoi canali social siano troppo autoreferenziali, mantieni al minimo i contenuti su di te. Tieni sempre presente che la chiave è un giusto mix. Resta pure concentrato sulla tua attività, ma non dimenticare di strizzare l’occhio ad altri tipi di post in base alla tipologia di interessi della tua audience.

 

5. Non fargli sapere che ci tieni

Un altro errore comune è non essere coinvolto tu stesso nei tuoi profili social. Non perdere l’opportunità di interagire con il tuo pubblico con un’attività regolare di community management. I tuoi follower hanno bisogno di essere coccolati! Essere coinvolto attivamente sui tuoi profili social è importante quanto essere coerente nei contenuti che condividi. Mostra cura e attenzione ai tuoi follower rispondendo ai loro commenti, ritwittandoli e mettendo like ai loro post, partecipando attivamente alle conversazioni e seguendoli anche tu. Se vuoi che i tuoi follower, e futuri follower, siano attivi sui tuoi canali social, dovresti assolutamente esserlo anche tu per primo. A volte, qualcosa di semplice come prestare attenzione a qualcuno su una piattaforma, può davvero fare la differenza nella fedeltà alla tua azienda o al tuo brand.

 

Se hai bisogno di aiuto per migliorare i tuoi social, scrivici.

Contattaci