kirsten spoelstra

Di

Kirsten Spoelstra

Pubblicato il

novembre 29, 2017

Tag

Affrontare nuove sfide è un aspetto importante di ogni professione. Quando inizi un nuovo lavoro, ti metti in proprio o, nel mio caso, cresci professionalmente all'interno della stessa azienda, le sfide diventano la norma.


Lavoro in LEWIS da oltre tre anni e in questo periodo ho avuto l’occasione di entrare in contatto con diversi stili di management, che hanno influenzato il mio approccio personale. Conoscere punti di vista differenti ti permette di capire quali condividi e quali no. Per questo, continuando a lavorare per un’azienda, negli anni acquisisci l’esperienza necessaria per diventare un manager.

L’esperienza è la chiave che ti aprirà nuove opportunità professionali. Fare esperienza significa cadere, ma anche sapersi rialzare. Per non farti sbagliare, o almeno per aiutarti a rialzati più velocemente, ti lascio tre consigli che contribuiranno a farti diventare un Account Manager migliore. Leggili con calma, magari mentre ti gusti una tazza di tè o di caffè!

Consigli per migliorare il tuo account management

 

1. Impara a delegare.

Puntare il dito contro chi lavora con te non ti aiuterà a sviluppare la tua leadership. È invece necessario definire chiaramente con il tuo team le responsabilità affidate a ciascuno, a livello individuale. Di conseguenza, ognuno avvertirà una sensazione di appartenenza assumendo una sorta di visione di insieme e dandoti l’opportunità di crescere nel tuo ruolo di manager. Inoltre, in questo modo, eviti di ricadere nel tuo vecchio ruolo di executive: è questo infatti il principale errore che un Account Manager può commettere.

 

2. Resta te stesso.

Fare il manager è un compito che richiede grande umanità. Starai di certo pensando… ecco il solito cliché! Ma è la verità. Un buon manager si prende sempre cura del proprio team, chiedendosi: come lavora ciascun membro del gruppo? In cosa eccelle, dove deve migliorare, chi è pronto per affrontare sfide maggiori? La modalità in cui un manager gestisce le altre persone può variare. Per alcuni funziona meglio un approccio più rigido, altri invece prediligono una linea più soft. All’interno del tuo team non mancherà chi sarà infastidito da un controllo troppo costante, ma ci sarà anche chi vorrà ricevere qualche indicazione in più. La cosa più importante è restare sempre te stesso, anche nel tuo ruolo di manager, e mantenere la massima trasparenza nei confronti del tuo team. Non temere la discussione sulle possibili difficoltà, perché con il dialogo si crea un ambiente di lavoro piacevole e familiare, in cui tutti si trovano a proprio agio.

 

3. Le persone si licenziano perché insoddisfatte del capo, non del lavoro.

È una verità universalmente riconosciuta, che crea non poche preoccupazioni tra gli Account Manager. La prima cosa da fare è formare un team i cui componenti abbiano caratteristiche e competenze complementari. Devi quindi riconoscere e ammettere non solo le tue debolezze, ma anche quelle degli altri, coltivando in questo modo un ambiente di lavoro amichevole, in grado di facilitare lo sviluppo della personalità e dei talenti di ciascuno. Non esitare a coinvolgere altri colleghi esterni al team, se questo può giovare alla qualità di una campagna. Inoltre, assicurati che le persone più ambiziose siano sufficientemente stimolate, in modo che non si annoino, perdendo l’incentivo a venire in ufficio. Dai piena fiducia ai componenti del tuo team più motivati ed efficienti, e premia sempre il lavoro ben fatto. Dopo tutto, apprezzare i complimenti è nella natura umana!

Contattaci